TIRANNIDE indistintamente appellare si debbe ogni qualunque governo, in cui chi è preposto alla esecuzion delle leggi, può farle, distruggerle, infrangerle, interpretarle, impedirle, sospenderle; od anche soltanto deluderle, con sicurezza d'impunità. E quindi, o questo infrangi-legge sia ereditario, o sia elettivo; usurpatore, o legittimo; buono, o tristo; uno, o molti; a ogni modo, chiunque ha una forza effettiva, che basti a ciò fare, è tiranno; ogni società, che lo ammette, è tirannide; ogni popolo, che lo sopporta, è schiavo.

Vittorio Alfieri
(1790)


venerdì 14 febbraio 2014

Addio a Freak Antoni la voce degli Skiantos



Negli anni '70 gestivamo quella che allora si chiamava una “radio libera” e gli Skiantos andavano al massimo (assieme a Radio Alice e al vecchio Bifo)

Luca Bortolotti e Luigi Spezia

Addio a Freak Antoni la voce degli Skiantos


E' morto stamattina a Bologna Roberto "Freak" Antoni, lo storico leader degli Skiantos. L'artista bolognese avrebbe compiuto sessant'anni il prossimo 16 aprile. Nel 2012 Freak Antoni lasciò gli Skiantos dopo 35 anni assieme, per dedicarsi alla carriera da solista. "Se non altro la malattia mi ha fatto smettere con la droga", scherzava un anno fa Freak Antoni.

L'eccesso, l'eroina, la provocazione, sono stati la cifra stilistica di una vita sempre vissuta di corsa, ma anche sempre con grande autoconsapevolezza e ironia. Del resto, è stato il primo vero punk italiano. Quando nel 1977 nacquero gli Skiantos, furono qualcosa a cui il pubblico nostrano non era preparato, troppo semplicistico derubricarli a band demenziale. Nel '79, in un concerto al PalaDozza rimasto nella storia, salirono sul palco senza suonare, e si misero a cucinare spaghetti. Mentre gli spettatori, infuriati, gli lanciavano di tutto, Freak Antoni rispondeva con l'ormai celebre frase: "Questa è avanguardia, pubblico di merda".

Gli Skiantos erano quelli che lanciavano ortaggi sulla platea, che confessavano il proprio amore per le "sbarbine" prima che tutto ciò venisse sdoganato dalle alte cariche del governo, ma anche quelli che già 20 anni fa dicevano fosse inutile pretendere qualcosa "da un paese che ha la forma di una scarpa" o che gridavano "Brucia le banche, bruciane tante".

E Freak Antoni ne era il bardo e cantore, un simbolo del rock italiano, ma che ha sempre conservato la convinzione di meritare di più di quel che poi il mercato discografico ha riservato a questi "35 anni di grandi insuccessi", come li definiva lui. "Di questi anni ricordo grande sbattimento, la voglia di pretendere più considerazione da pubblico e critica, e una grande fatica per nuotare controcorrente", confidava dopo il suo ultimo concerto con la band, a maggio 2012 a Bologna. Da quel giorno Freak aveva iniziato una nuova sfida musicale, un progetto solista assieme alla pianista Alessandra Mostacci.

In curriculum anche nove libri, come il suo manifesto "Non c'è gusto in Italia ad essere intelligenti"; e la partecipazione a film, come "Paz!" e "Jack Frusciante è uscito dal gruppo". Sulla sua vita hanno scritto anche un fumetto, "Freak". Di lui, nella storia di Bologna e del rock italiano, resterà un ricordo indelebile, di una delle ultime rockstar di casa nostra capaci nello stesso tempo di fare ridere, riflettere e cantare.

Repubblica.it | 12 Febbraio 2014