TIRANNIDE indistintamente appellare si debbe ogni qualunque governo, in cui chi è preposto alla esecuzion delle leggi, può farle, distruggerle, infrangerle, interpretarle, impedirle, sospenderle; od anche soltanto deluderle, con sicurezza d'impunità. E quindi, o questo infrangi-legge sia ereditario, o sia elettivo; usurpatore, o legittimo; buono, o tristo; uno, o molti; a ogni modo, chiunque ha una forza effettiva, che basti a ciò fare, è tiranno; ogni società, che lo ammette, è tirannide; ogni popolo, che lo sopporta, è schiavo.

Vittorio Alfieri
(1790)


mercoledì 20 agosto 2014

Reticolati



Abbiamo ricevuto dall'amico Gianni Donaudi “Emozioni” (Rivista di Poesia & altro). Ne riprendiamo due pagine.


RETICOLATI

Sulle curve ampie e nude della terra si stende l' odio arruginito dei reticolati /
Lacera il passaggio la loro ostilità spinata a grandi doppie sinusoidi essi sugellano il paesaggio sconvolto
Sono rugginosi sangue sangue sangue bevuto nelle notti fucinate ostinatamente dalle mitragliatrici.
I viluppi astrusi ricordano nel tremito del metallo filato inutili scoppi di miliardi di miliardib di atomi liberatisi dalle pertiti delle gelatine dai tolueni
Siete anneriti dagli schianti alcuni stringono la bianchezza di scheggie di ossa hanno appesi brani stinti di uniformi reticolati
E tanti trattengono lo spasimo sanguinolento le convulsioni delle morti stracciate gettate dinnanzi alla vostra inesorabilità.
Ma quando il mondo viene bevuto a poco a poco dalla notte/ siete ipocriti veli bigi distesi conservanti ancora un ricordo della nudità della nomade luna/ e col passaggio bevete anche voi lentamente/ la monotona sorda/ nostalgia delle vedette assonnate.

Julivs EVOLA ( 1898/ 1974 )


MIRAFIORI

Ho incontrato la fabbrica, / cinica come la trincea di Ungaretti.
Ma la guerra non finisce, / i morti si aggiungono ai morti.
Le baionette lacerano le carni, / recidono il filo della vita.
Il treno non va più/ avanti e indietro/ tra la F.I.A.T. Mirafiori/ e il Lingotto, / ma i pali rimangono lì,
ritti, gelidi, come croci .

Antonio CATALFAMO( Barcellona PG - Messina)