TIRANNIDE indistintamente appellare si debbe ogni qualunque governo, in cui chi è preposto alla esecuzion delle leggi, può farle, distruggerle, infrangerle, interpretarle, impedirle, sospenderle; od anche soltanto deluderle, con sicurezza d'impunità. E quindi, o questo infrangi-legge sia ereditario, o sia elettivo; usurpatore, o legittimo; buono, o tristo; uno, o molti; a ogni modo, chiunque ha una forza effettiva, che basti a ciò fare, è tiranno; ogni società, che lo ammette, è tirannide; ogni popolo, che lo sopporta, è schiavo.

Vittorio Alfieri
(1790)


sabato 17 settembre 2016

E' morto padre Amorth. Per lui Crozza, Fiorello e Vendola erano agenti di Satana



E' morto padre Amorth, esorcista vaticano, notissimo per i suoi interventi su giornali e televisioni. Sosteneva che la festa di Halloween, i film di Harry Potter e (poteva mancare?) la massoneria fossero opera diabolica. Mancano all'elenco i “perfidi giudei”, ma non ci stupirebbe ad un esame più attento ritrovare fra le carte del reverendo anche quelli. Invece dei necrologi (tutti uguali) dei quotidiani, riproponiamo un articolo di qualche anno fa che offre un quadro preciso del pensiero del religioso.

Antonella Beccaria

Padre Amorth: “Monti, Crozza e Vendola servi di Satana”


Se mai servisse una guida per districarsi tra il bene e il male, per chi ci crede, a cicli costanti viene in aiuto padre Gabriele Amorth, l’esorcista di origine modenese assurto da tempo alle cronache per le sue invettive. O almeno, in aiuto, arrivano alcune interviste che gli attribuiscono nuovi avvistamenti di Satana nel mondo. Un articolo recente articolo dell’Espresso fa il punto delle “condanne” più recenti e tra i “messaggeri” del demonio ci mette molti personaggi noti, a iniziare da Beppino Englaro, il padre di Eluana che poco tempo fa ha raccontato a proposito della figlia “la vita senza limiti” – dal titolo del suo libro – durata 6233 giorni.

E padre Amorth inserisce nella schiera dei “maligni” anche il comico Maurizio Crozza, lo showman Beppe Fiorello e Nichi Vendola, che appoggia “leggi favorevoli all’aborto o ammiccanti ai gay” e dunque “è sotto la nefasta influenza del demonio”. E poi c’è lui, il presidente del consiglio Mario Monti, che oltre alle incognite del voto di fiducia e alle contestazioni di piazza, si sarebbe visto etichettare come un “capo massone che vuole distruggere la Chiesa o affamarla. Piaccia o meno, è uno strumento nella mani di Satana”. Sarà che a poche ore da Halloween – definita in passato “una trappola del demonio, una roba pagana, anticristiana e anticattolica” – la voce del più famoso degli esorcisti non poteva mancare. Ma le parole attribuite ad Amorth su Monti non sono nuove.

Il primo a lanciarle era stato a inizio 2012 Bruno Volpe, direttore di Pontifex Roma, ma in breve era giunta la smentita ripresa da diverse testate, tra cui l’agenzia TmNews, Virgilio e Il Foglio. Pur ben lungi dall’aver provocato a sua insaputa un incidente diplomato tra Stato del Vaticano e Italia, padre Amorth aveva dichiarato: “Non ho mai affermato che Mario Monti è ‘capo massone e strumento di Satana in un’Europa’. Non ho mai rilasciato un’intervista in questo senso e comunque non ho assolutamente dato questo giudizio in merito al presidente del consiglio Mario Monti. Chi ha scritto queste cose le ha inventate e la cosa mi spiace molto”.

Comunque sia, se l’anziano esorcista – è nato il 1 maggio 1925, ha un passato da partigiano bianco e una militanza nella Fuci (Federazione universitaria cattolica italiana) – non ha attribuito al premier intercessioni diaboliche nella vita degli esseri umani, in passato se l’era presa con pratiche come lo yoga. Voce guida ogni secondo mercoledì del mese dalle frequenze di Radio Maria, dove dà consigli ai fedeli alle prese con presenze minacciose, l’esorcista aveva “condannato” anche con icone della cultura pop come Harry Potter, che “porta alla magia e, quindi, porta al male. Agisce in maniera nascosta e furba, sotto forma di poteri straordinari, magie, maledizioni”.

Quelle parole avevano suscitato la reazione di un suo collega sacerdote, don Andrea Gallo, il sacerdote di strada della comunità di San Benedetto al Porto di Genova, che aveva ribattuto che uomini e donne, se fossero stati posseduto da qualcosa, lo sarebbero stati “dalla crisi e dalla paura”: “Io andrei a gridare come un pazzo alla chiesa e ai palazzi della politica perché vedo in Italia servizi sociali spaventosi. Cosa dovrebbero farmi? Mandarmi al manicomio? Dall’esorcista? E questi signori pieni di convinzioni non parlano mai di gente che non arriva nemmeno alla prima settimane del mese. A Genova abbiamo il 5% di senza dimora. Chi li rende così? Il demonio?”


il fatto - 31 ottobre 2012