TIRANNIDE indistintamente appellare si debbe ogni qualunque governo, in cui chi è preposto alla esecuzion delle leggi, può farle, distruggerle, infrangerle, interpretarle, impedirle, sospenderle; od anche soltanto deluderle, con sicurezza d'impunità. E quindi, o questo infrangi-legge sia ereditario, o sia elettivo; usurpatore, o legittimo; buono, o tristo; uno, o molti; a ogni modo, chiunque ha una forza effettiva, che basti a ciò fare, è tiranno; ogni società, che lo ammette, è tirannide; ogni popolo, che lo sopporta, è schiavo.

Vittorio Alfieri
(1790)


venerdì 2 settembre 2016

Figli alla Patria! Lo comanda il Duce (pardon: Renzi)



Un governo saldamente laico non avrebbe mai partorito un Fertility Day”, scrive Serra. Ma il governo Renzi non è per nulla laico. Anzi, considerata la provenienza dei suoi membri , è probabilmente il governo più cattolico (e democristiano) degli ultimi 50 anni. E poi, in vista del referendum, occorre recuperare i voti dei talebani cattolici del Family Day persi dopo la legge sulle unioni civili.


L’amaca
di Michele Serra


DIFFICILE ricordare un’iniziativa politica che abbia ricevuto un’accoglienza più ostile del “Fertility Day” (forse l’invasione della Polonia da parte di Hitler). Basti dire che uno dei commenti più gelidi è quello del presidente del Consiglio: “non conosco nessuno che abbia fatto figli dopo avere visto un cartellone pubblicitario”.

L’ impressione, anche se ricavata solo per via indiziaria, è che il governo paghi un costante pegno all’ambiguità identitaria (che è anche del Pd) del nuovo centrosinistra, la cui componente centrista-cattolica è molto influente, nonché determinante per la tenuta del governo stesso.



Un governo saldamente laico non avrebbe mai partorito (siamo in argomento) un Fertility Day. Non, comunque, in quella forma e con quegli slogan.

Concepire la maternità quasi come un “dovere” è ovviamente lecito, a patto che si applichi questo imperativo a se stessi e non ad altri; men che meno lo si estenda alla sfera pubblica, che deve occuparsi di assicurare le migliori condizioni possibili per fare figli a chi vuole farli, e non di altro.



Nell’iniziativa ministeriale il sentore di “doverismo” rispetto a maternità e paternità è molto forte, e rimanda diritti alla incoercibile tendenza cattolica (o meglio di parte dei cattolici) a piegare l’etica pubblica ai propri convincimenti. Rivista in questo contesto, l’approvazione della legge Cirinnà sulle unioni civili va vista come un vero e proprio miracolo, da celebrare con commossa esultanza.


La Repubblica – 2 settembre 2016