TIRANNIDE indistintamente appellare si debbe ogni qualunque governo, in cui chi è preposto alla esecuzion delle leggi, può farle, distruggerle, infrangerle, interpretarle, impedirle, sospenderle; od anche soltanto deluderle, con sicurezza d'impunità. E quindi, o questo infrangi-legge sia ereditario, o sia elettivo; usurpatore, o legittimo; buono, o tristo; uno, o molti; a ogni modo, chiunque ha una forza effettiva, che basti a ciò fare, è tiranno; ogni società, che lo ammette, è tirannide; ogni popolo, che lo sopporta, è schiavo.

Vittorio Alfieri
(1790)


martedì 10 gennaio 2017

Paolo Lega, anarchico di Romagna


Venerdì 20 gennaio 2017, alle ore 20,45
nella Sala della Fondazione CASSA-MONTE
Via Manfredi, 10
Lugo  (Ra)

a cura dell'Università Popolare per Adulti di Lugo e del Centro Studi sulla Romandiola Nord-Occidentale  verrà presentanto il volume

PAOLO LEGA
di Giuseppe Galzerano

Nel 1894 Paolo Lega, anarchico lughese, ha attentato alla vita dell’allora Presidente del Consiglio, on.  Francesco Crispi a Roma. Al processo, condannato a 20 anni pur non avendo neppure sfiorato il suo bersaglio, dichiarò che voleva colpire Crispi, come rappresentante di quello Stato che gli aveva reso impossibile vivere con le continue persecuzioni poliziesche e, allo stesso tempo, intendeva vendicare le mondine di Conselice, che chiedevano un aumento della paga da fame ed avevano ricevuto in cambio il piombo del regio esercito.

Introdurrà l’incontro, a cui è presente l’autore, il dott. Alessandro Luparini, storico, direttore della Fondazione Casa di Oriani e della Biblioteca di  Storia contemporanea.


La serata si svolge col patrocinio del Comune di Lugo e col contributo dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Lugo, dell’ Associazione Mazziniana Italiana - sez. di Ravenna e dell’ Associazione Nazionale Volontari e Reduci Garibaldini - sez. di Ravenna.