TIRANNIDE indistintamente appellare si debbe ogni qualunque governo, in cui chi è preposto alla esecuzion delle leggi, può farle, distruggerle, infrangerle, interpretarle, impedirle, sospenderle; od anche soltanto deluderle, con sicurezza d'impunità. E quindi, o questo infrangi-legge sia ereditario, o sia elettivo; usurpatore, o legittimo; buono, o tristo; uno, o molti; a ogni modo, chiunque ha una forza effettiva, che basti a ciò fare, è tiranno; ogni società, che lo ammette, è tirannide; ogni popolo, che lo sopporta, è schiavo.

Vittorio Alfieri
(1790)


mercoledì 22 febbraio 2017

Il filo segreto di Hiram



Venerdì 3 marzo, ore 16.00
Sala "Vittorio Riolfo" (ex sala Beppe Fenoglio - cortile della Maddalena)
Alba

Guido Araldo
presenta il suo ultimo libro

Il filo segreto di Hiram


Dalla quarta di copertina:

Dapprima Orfeo, Pitagora e i riti misterici, poi la gnosi alessandrina e il “Vangelo di Giuda”; ma, con il trionfo del cristianesimo di Paolo, tutto sembrò perduto. Toccò a un papa riannodare il filo: il papa esoterico che traghettò l’umanità nell’anno Mille. In seguito l’eredità passò ai Templari e il sogno di San Bernardo di edificare la Gerusalemme terrena in Europa, iniziato con le stelle della Vergine nell’Ile-de-France, parve possibile.

I Templari fecero “del filo di Hiram” l’essenza del loro Ordine cavalleresco. Ma Deus non voluit! Anzi, più di Deus, furono un papa e un re e, soprattutto, i banchieri toscani e lombardi a non volere! Ancora una volta tutto sembrò perduto; ma un altro rivolo aveva cominciato a scorrere accanto ai Templari nello scenario insondabile della Storia: l’imperatore Federico II di Svevia, i Fedeli d’Amore di Dante Alighieri e Guido Cavalcanti, gli Onesti Compagnons, quattro papi rinascimentali, i Rosacroce, i “fratelli della libertà”…

Lentamente i Francs-Maçons, eredi della tradizione templare e dei Fedeli d’Amore, ripresero a organizzarsi e il filo segreto non andò disperso. Sulle rive del Tamigi il filo segreto fu definitivamente riannodato nel giorno della festa di San Giovanni Battista (il solstizio d’estate) del 1717, di nuovo sotto la luce del sole. E ora gli Stati Uniti d’America sono diventati il principale nodo di quel filo…